Minimalismo, geometria, bellezza e inizio del tempo

Oggi post motivazionale: ci concentreremo sul legame tra minimalismo e geometria, così come sono stato ispirato dalla Minimal Art (ai cui dedicherò un post a brevissimo, per introdurre la storia del minimalismo a partire dalle discipline in cui il pensiero è emerso, prima di diventare uno stile di vita).

Veniamo alla questione: perché il legame tra minimalismo e geometria dovrebbe motivare o addirittura ispirare?

Una prima intuizione di risposta si ha pensando al fascino che un fiocco di neve esercita (ecco la ragione della foto che apre il post).

Simile è la suggestione che deriva dalla sabbia fine e infinita che si estende uniforme, senza increspature o imperfezioni se non i segni chi l’ha percorsa, alterando e confermando al tempo stesso quella perfezione.

Si tratta di una sensazione che è oltre la pace, irrimediabilmente intrecciata alla guerra pur come negazione: è la sensazione dell’alba, dell’inizio del tempo.

Si tratta, d’altra parte, di un’intuizione della geometria sottostante che sostiene un ordine vivo, che ispira bellezza.

Per questa ragione il minimalismo trova nella geometria il suo ambiente fecondo: ci permette di giungere alle pure strutture che contengono la risposta, accogliendo ogni domanda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...